La EN:388 è la normativa che certifica i guanti da lavoro contro il rischio meccanico, per far fronte ai rischi dovuti a macchinari e ogni altro pericolo in cui può incorrere un lavoratore. Un guanto per far parte della categoria DPI (dispositivi di protezioni individuale) ed essere certificato contro il rischio meccanico, deve avere apportato nel dorso il simbolo che fa riferimento alla normativa EN388:2016. La certificazione a questa normativa testa varie caratteristiche come PERFORAZIONE, LACERAZIONE, ABRASIONE, TAGLIO e URTO in modo da poter garantire protezione al lavoratore che li indossa. In questo articolo troverai risposte a domande come: Quali sono i livelli di protezione dei guanti e dove sono indicati? Che tipo di protezione indicano i numeri 1 2 3 4 sui guanti per protezione meccanica?

3 Cambiamenti introdotti con la nuova normativa EN 388:2016

L'aggiornamento della normativa En388 avvenuto nel 2016 ha portato principalmente miglioramenti a livello di test in materia di protezione da rischio meccanico, nello specifico taglio e abrasione. Venne integrato inoltre un metodo di test per l'impatto(P) e cambiato di conseguenza parte della rappresentazione del pittogramma riportato sul guanto.

1. Miglioramento del test per il taglio da lama

Prima del 2016: Il metodo utilizzato per valutare la resistenza al taglio dei guanti era il Couptest. Questo metodo consisteva nella misurazione del numero di cicli (avanti e indietro) necessari per tagliare un campione a bassa pressione (5 N / circa 500 g). Dopo il 2016: Il Couptest è stato migliorato per garantire maggiore affidabilità e prestazioni certificate. Questo grazie ad un controllo più rigoroso che prevede la sostituzione della lama ad ogni 5 test. Inoltre nel caso in cui il guanto smussi la lama durante il test, il riferimento diventa la norma ISO 13997. Inoltre, è stata introdotta una quinta cifra sotto il pittogramma per indicare il livello di resistenza al taglio secondo la norma ISO 13997. Se la lama non mostra segni di usura, il Couptest rimane il test di riferimento. È inoltre possibile indicare facoltativamente il livello di resistenza secondo la norma ISO 13997.
Macchina test taglio lama EN 388 iso 13997

2. EN 388 cambiamenti relativi all'abrasione

Un aspetto significativo di questa valutazione è l'utilizzo di un nuovo tipo di carta abrasiva, la Klingspor PL31B Grit 180, caratterizzata da una qualità notevolmente superiore rispetto alla precedente Oakey Grade F2 100 grit. Questo aggiornamento è finalizzato a garantire una maggiore coerenza nei risultati dei test, fornendo una base più affidabile per valutare la resistenza dei guanti all'abrasione.

La carta abrasiva di qualità superiore contribuisce a simulare in modo più accurato le condizioni reali di usura a cui i guanti possono essere sottoposti durante l'uso quotidiano. Questo approccio più sofisticato mira a fornire un quadro più preciso della durata e della resistenza dei guanti nei confronti di abrasioni ripetute, consentendo agli utenti di fare scelte informate in termini di protezione sul luogo di lavoro.

Carta abrasiva usata prima

Prima EN388

 Oakey Grade F2 100 grit

Carta abrasiva usata prima test EN388 Oakey Grade F2 100 grit
Carta abrasiva utilizzata ora

Dopo EN388:2016

Klingspor PL31B Grit 180

Carta abrasiva utilizzata ora test EN388 klingspor PL31B Grit 180

3. introduzione della resistenza agli utri

La norma EN 388 per la protezione meccanica dopo il 2016 è stata integrata con la EN 13594:2015 che rappresenta uno standard importante nel campo dei guanti di protezione, focalizzandosi specificamente sulla valutazione della resistenza agli urti su dita e articolazioni. Una caratteristica distintiva di questa normativa è l'introduzione di un nuovo sistema di marcatura, attraverso l'aggiunta della lettera "P" dopo le 5 cifre del pittogramma, nel caso in cui il guanto superi con successo il test.

Questa marcatura aggiuntiva fornisce un'indicazione chiara che il guanto ha superato i rigorosi test di impatto definiti dalla norma EN 13594:2015, dimostrando così la sua capacità di offrire una protezione affidabile contro gli urti alle articolazioni e alle dita. Tale approccio mira a semplificare la scelta dei guanti per gli utenti, consentendo loro di identificare facilmente i prodotti che soddisfano gli standard di sicurezza specifici relativi agli impatti.

pittogramma prima e dopo 2016

Cerchi guanti certificati EN388:2016? Visita la sezione dedicata ai
guanti da lavoro e filtra i prodotti per normativa!

Come sono stabiliti i valori del pittogramma EN 388?

Le prime 4 cifre per i guanti certificati EN388 indicano la sua capacità di resistere a:

  1. il primo numero indica la resistenza all'abrasione (livello da 0 a 4);
  2. il secondo valore mostra la resistenza al taglio (livello da 1 a 5);
  3. la terza cifra specifica la resistenza allo strappo (livello da 0 a 4);
  4. il quarto numero mostra la resistenza alla perforazione (livello da 0 a 4).

Dopo il 2016 sono stati apportati alrti 2 test: taglio EN ISO 13997 (quinto valore nel pittogramma), e protezione dagli urti(sesto valore).

Vengono eseguiti questi test per poterne certificare il livello protettivo e stabilire i numeri da riportare nel pittogramma sul dorso del guanto. Il Valore "X" significa che il test non è stato effettuato o che non è applicabile per quello specifico guanto. Per ogni caratteristica vi spiegheremo il procedimento che porta il guanto ad avere uno specifica cifra piuttosto che un'altra e che cosa indica il numero. La protezione deve essere adeguata, e le cifre ti saranno d'aiuto perché a seconda del lavoro che verrà svolto la sequenza sarà differente.

1. Test per resistenza all'abrasione

Il primo numero del pittogramma specifica la resistenza all'abrasione del guanto da lavoro. Per effettuare questo test vengono attuate le seguenti procedure: il livello va da 0 a 4 e viene deciso basandosi sul numero di "cicli" che il guanto riesce a subire prima di rovinarsi o forarsi. La tabella seguente indica il numero di cicli necessari per raggiungere un determinato livello.

primo valore pittogramma en 388 resistenza all'abrasione

Resistenza all'abrasione

LIVELLO

1

2

3

4

GIRI

100

500

2000

8000

2. Test per il taglio da lama

Il secondo valore riportato sotto il pittogramma EN388 rappresenta la resistenza al taglio. I prodotti sottoposti a questo tipo di test vengono messi a contatto con una lama rotante che lo taglia, il livello è stabilito in base a quante rotazione il guanto riesce a subire prima di essere tagliato, come specificato nel paragrafo "test per il taglio da lama". I valori di questa prova hanno un range da 0 a 5, come descritto nella tabella.

secondo valore pittogramma en388 resistenza al taglio da lama

Resistenza al taglio da lama (Couptest)

LIVELLO

1

2

3

4

5

INDICE

1,2

2,5

5

10

20

3. Test resistenza allo strappo

Nel caso della lacerazione, ovvero il terzo numero presente nel pittogramma, il prodotto in esame viene già tagliato prima di iniziare il test. Infatti questo livello di resistenza alla lacerazione si misura verificando l'efficacia di protezione del guanto allo strappo quando è già in condizioni di rottura. I valori vanno da 0 a 4 in base alle soglie definite qui sotto:

terzo valore pittogramma en388 resistenza alla perforazione

Resistenza alla lacerazione

LIVELLO

1

2

3

4

NEWTON

10

25

50

75

4. Test resistenza alla perforazione

Il quarto valore riportato nel pittogramma EN 388 è relativo alla perforazione. Le cifre da 0 a 4 vengono definite in seguito alla pressione di una punta in acciaio (non troppo sottile) per perforare l'articolo in prova. A seconda della forza applicata per forare il guanto ne viene assegnato un livello come di seguito:

quarto valore pittogramma en388 resistenza alla perforazione

Resistenza alla perforazione

LIVELLO

1

2

3

4

NEWTON

20

60

100

150

5. Secondo test per la resistenza al taglio EN ISO 13997

Quinto valore del pittogramma EN388 riguarda la resistenza superiore al taglio da lama. Infatti dal 2016 è stato aggiunto un metodo ulteriore di test in caso si superi l'ultimo livello di resistenza al taglio (5 nel secondo numero del pittogramma). Questo serve a determinare nuovi livelli protettivi, dopo il quarto numero viene così posta una lettera dalla A alla F, in base ai newton di resistenza della superficie del guanto prima di tagliarsi.

Questo test viene effettuato solamente se durante il primo test da taglio(2) il guanto provoca uno smussamento delle lame dovuto alla resistenza del materiale di cui è composto il guanto da lavoro.

Quinto valore pittogramma en388 resistenza al taglio ISO 13997

Elevata resistenza al TAGLIO ISO13997

LIVELLO

A

B

C

D

E

F

NEWTON

2

5

10

15

22

30

6. Test di protezione dagli urti EN 13594:2015

Sempre nel 2016 è stato aggiunto un altro parametro, come eventuale sesta ed ultima cifra, ossia la resistenza agli urti. Rappresentato dalla presenza o meno di una P (pass) come ultimo carattere sotto al pittogramma. In questo caso non esiste una scala di valori ma solo l'aver passato o no il test.

sesto valore pittogramma en 388 resistenza agli urti

Che guanti hanno caratteristiche di protezione meccanica EN 388?

Le categorie di guanti che hanno caratteristiche di protezione meccanica En 388 sono 2: I guanti in pelle e i guanti impregnati. Visionato in precedenza le principali peculiarità della norma in questione e spiegato nel dettaglio i vari significati e riferimenti dei caratteri presenti nei nostri guanti da lavoro. Ma quali sono i guanti che rispecchiano maggiormente tale normativa europea?

Guanti da lavoro in Pelle certificati

I più famosi restano senza dubbio i guanti da lavoro in pelle, che rappresentano l'articolo per eccellenza in riferimento a questa normativa. Infatti questa tipologia di guanto professionale è molto richiesto essendo tuttora la miglior soluzione in tema di protezione meccanica nella maggior parte dei settori industriali.

Guanti da lavoro impregnati

Sempre più utilizzati da aziende e professionisti sono i guanti da lavoro spalmati (pvc, nbr, nitrile...), solitamente sono molto leggeri e traspiranti. Questa tipologia di guanto presenta uno strato di materiale sintetico nel palmo (spalmatura) che ne aumenta le proprietà protettive e la resistenza nelle zone sottoposte a maggiore usura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *